Civile

No al licenziamento del medico di turno perché non risponde al cercapersone

Francesco Machina Grifeo

Non può essere licenziato, con la motivazione di aver abbandonato il posto di lavoro, il cardiologo che durante il turno di notte non risponda al cercapersone, ma che il mattino seguente passi regolarmente le consegne al collega. Lo ha stabilito la Sezione lavoro della Corte di cassazione, con la sentenza 16 gennaio 2017 n. 856, affermando che era onere del datore di lavoro provare che il medico non si trovasse all'interno della struttura. La “versione” dei ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?