Civile

Le tre note di pagamento dell’avvocato restano distinte senza costituire un’unica obbligazione

Giampaolo Piagnerelli

Le tre richieste di pagamento avanzate dall'avvocato nei confronti del cliente rappresentano altrettante pretese ben distinte tra loro che non possono costituire un'unica obbligazione. Lo chiarisce la Cassazione con la sentenza 5 gennaio 2017 n. 130. I fatti - Alquanto singolare la vicenda. Il legale aveva preteso in funzione delle tre prestazioni rese un compenso prossimo ai 2900 euro. La società aveva eccepito come avesse provveduto a saldare due delle tre fatture e di non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?