Civile

Nel concordato preventivo da oggi la transazione fiscale investe anche l’Iva

di Giovanni B. Nardecchia

Da oggi la transazione fiscale che il debitore deve proporre nel concordato preventivo o negli accordi di ristrutturazione dei debiti può riguardare anche il credito Iva. Inoltre, viene precisato che la proposta o l’accordo possono prevedere la soddisfazione parziale di un credito tributario o contributivo privilegiato prendendo come parametro il “valore di mercato”: la soddisfazione parziale, infatti, deve avvenire in misura non inferiore a quella realizzabile, in ragione della collocazione preferenziale, sul ricavato in caso di liquidazione, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?