Civile

Infiltrazioni acque nere, il condominio risarcisce per omessa custodia

Francesco Machina Grifeo

Dopo la riforma del 2012, spetta al condominio risarcire i danni da infiltrazioni di acque luride anche se dipendenti dalla cattiva esecuzione dei lavori di rifacimento del bagno – in particolare, dell'aggancio alla colonna fecale – da parte del proprietario dell'appartamento sovrastante. Lo ha stabilito il Tribunale di Pescara, sentenza 1° giugno 2016 n. 948, richiamando la responsabilità del condominio per “omessa custodia” in quanto proprietario degli impianti idrici e fognari e dei relativi collegamenti. La decisione ha poi ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?