Civile

Interdizione residuale, la gravità non blocca l'amministrazione di sostegno

Francesco Machina Grifeo

L'acclarato stato di abituale infermità di mente non è di per sé sufficiente a giustificare l'interdizione. Nell'attuale sistema, infatti, tale istituto riveste ormai «un carattere residuale», con la conseguenza che «la sua applicazione sarà dunque da escludere tutte le volte in cui la protezione del soggetto abitualmente infermo di mente, ed in quanto tale totalmente incapace, appaia sufficientemente garantita dalla misura dell'amministrazione di sostegno». Sulla base di questa motivazione, il Tribunale di Lecce, sentenza 3 agosto 2016 n. 3695, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?