Civile

Assegni bancari, all'opponente la prova dell'abusivo riempimento

Francesco Machina Grifeo

Il debitore che contesta il riempimento abusivo degli assegni posti a fondamento del ricorso monitorio deve fornirne la relativa prova, mentre non è tenuto a presentare querela di falso. Lo ha stabilito il Tribunale di Benevento, con la sentenza 13 luglio 2016 n. 1801, rigettando il ricorso dell'opponente e confermando il decreto ingiuntivo. La vicenda riguardava l'acquisto di una mietitrebbia a mezzo di assegni risultati poi parzialmente scoperti, con il coinvolgimento di un terzo (chiamato in causa dall'opposto) come ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?