Civile

Chiamata del terzo, revocabile il no al differimento della prima udienza

Francesco Machina Grifeo

Il provvedimento di rigetto dell'istanza, tempestivamente proposta, di differimento della prima udienza per la chiamata in causa del terzo, può essere revocato dal giudice che l'ha disposto o da quello che ha riassunto il giudizio a seguito di dichiarazione di incompetenza, sempre che non si sia andati oltre la fase della prima udienza. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 25 ottobre 2016 n. 21462, rigettando il ricorso di un fratello nei confronti della sorella, e ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?