Civile

Divisione della comunione, creditore indenne dalla spese di giudizio

Francesco Machina Grifeo

Il creditore obbligato ad instaurare un giudizio di divisione della comunione dei beni per poter soddisfare il proprio credito non può essere poi chiamato a sopportarne anche le spese. Lo ha stabilito il Tribunale di Torino , con la sentenza 21 giugno 2016 n. 3484, affermando che in questi casi, verificandosi una vera e propria «soccombenza», le spese vanno poste a carico del debitore esecutato mentre i comproprietari rispondono in solido solo nei limiti della loro quota. Non si ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?