Civile

Sequestro di azioni, il socio conserva i diritti se manca la nomina del custode

Francesco Machina Grifeo

Nelle società di capitali, qualora le azioni di un socio vengano poste sotto sequestro ma poi manchi la nomina del custode giudiziario, il socio conserva la legittimazione a esercitare tutti i diritti conseguenti alla titolarità delle azioni. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano, con la sentenza del 14 aprile 2016 n. 4686, chiarendo che in assenza di tale nomina, l'azionista non può essere privato dei poteri collegati alla partecipazione, anche se assoggettata al vincolo di legge. Il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?