Civile

La caccia «vietata» non giustifica lo stop al possesso di armi

di Selene Pascasi

Il divieto di detenere armi può essere disposto solo per sanzionarne l’abuso di utilizzo o la sopravvenuta inaffidabilità del soggetto che le usi, non per punire l’esercizio della caccia in periodo vietato. Lo puntualizza il Tar di Brescia, con sentenza n. 899 del 30 giugno 2016. Tre cacciatori avevano impugnato la decisione della Prefettura di disporre per loro il divieto di detenzione di armi, munizioni e materiali esplodenti (articolo 39, Testo unico leggi di pubblica sicurezza). Il Tar ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?