Civile

Polizze, legittimi i limiti di tempo

di Antonino Porracciolo

Non è vessatoria la clausola «pure claims made» contenuta in un contratto di assicurazione; la clausola, cioè, con cui l’assicuratore si impegna a tenere indenne l’assicurato per le istanze risarcitorie avanzate da un terzo danneggiato indipendentemente dal momento in cui lo stesso assicurato ha commesso il fatto illecito, purché la richiesta venga fatta durante il periodo di efficacia della polizza. Lo afferma il Tribunale di Bologna (giudice Antonio Costanzo) in una sentenza depositata lo scorso 12 agosto. Nel luglio ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?