Civile

Vizio della cartella esattoriale non più censurabile nella fase esecutiva

Francesco Machina Grifeo

Il debitore esecutato non può sostenere l'«inesistenza» della cartella esattoriale alla base dell'esecuzione perché firmata da personale dell'Agenzia delle Entrare privo della qualifica dirigenziale (o comunque di regolare delega) se, quando ne aveva la possibilità, non l'ha impugnata, né ha – come accaduto nel caso specifico - contestato l'iscrizione di ipoteca, e la notifica dell'atto di vendita. Lo ha stabilito il Tribunale di Padova, con la sentenza 26 maggio 2016 n. 1626, rigettando il ricorso di un cittadino la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?