Civile

Un obbligo «pesante» anche per chi ha ragione

di Giovanni Raiti

La scelta di rendere il tentativo di mediazione obbligatorio per un’ampia area del contenzioso civile è stata di certo una delle più “politicamente” controverse della disciplina italiana sulla mediazione. L’Europa non ce lo impediva, è vero. Una pronuncia della Corte di giustizia del marzo 2010 (“Alassini”) resa su un caso italiano di obbligatorietà ante litteram, relativo al contenzioso telefonico, l’aveva ben chiarito; ed altrettanto aveva fatto, del resto, più in generale, la direttiva 52/2008. Nonostante ciò, a destare ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?