Civile

Niente usucapione del diritto di abitazione per il convivente

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Una volta cessato il rapporto di convivenza more uxorio, il convivente che abita nella casa che costituisce residenza familiare, della quale non sia proprietario, deve essere considerato come un detentore qualificato del bene. Questa posizione gli consente di rimanere all'interno dell'abitazione per un certo periodo di tempo, necessario per trovare un'altra sistemazione e, dunque, di non essere estromesso repentinamente, ma non è sufficiente per l'usucapione del diritto di abitazione nella casa. Lo ha ribadito il Tribunale di Roma con ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?