Civile

La firma del cliente non sempre è decisiva

di Patrizia Maciocchi

La dichiarazione sottoscritta dal cliente su modulo prestampato, con la quale questo dà atto delle informazioni ricevute sull’inadeguatezza dell’acquisto e la rischiosità dell’investimento delle obbligazioni Cirio non salva la banca dal risarcire i danni. La Cassazione (sentenza 16828) nega che la firma dell’investitore sul modulo predisposto abbia natura confessoria e costituisca la prova che la banca ha assolto ai suoi obblighi di informazione. La Suprema corte nel respingere il ricorso di un istituto di credito, chiarisce ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?