Civile

Deve essere motivato il no all’assegnazione temporanea del dipendente-genitore presso altra sede

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il diritto del genitore dipendente pubblico, con figli minori fino a tre anni, di essere assegnato temporaneamente presso una sede ubicata nella provincia o regione nella quale l'altro genitore svolge la sua professione è subordinato all’esistenza di un posto vacante e all’assenso delle amministrazioni interessate. L’eventuale dissenso deve essere adeguatamente motivato, in ragione degli interessi costituzionalmente sottesi a tale disposizione, non bastando un semplice richiamo alle carenze di organico, condizione ormai comune in tutte le Amministrazioni pubbliche. Ad affermarlo ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?