Civile

Malattia, la compatibilità di un altro lavoro durante l'assenza va motivata

Francesco Machina Grifeo

Uno stato ansioso depressivo può giustificare l'assenza per malattia della dipendente ed anche lo svolgimento di altra attività lavorativa presso terzi, purché non ne comprometta la guarigione. Tuttavia, prima di dichiarare illegittimo il licenziamento comminato dall'azienda, l'autorità giurisdizionale deve compiere una indagine sulle caratteristiche della nuova attività svolta, sulla natura della patologia della dipendente ed, infine, motivare in merito alla relativa compatibilità. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 1° agosto 2016 n. 15989, accogliendo il ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?