Civile

Spetta al factor informarsi sulla solvibilità dei debitori ceduti

Francesco Machina Grifeo

Il factor non può invocare la cessazione della garanzia pro soluto, pattuita con il cedente, sostenendo di non aver ricevuto sufficienti o adeguate informazioni circa la solvibilità dei debitori presi in carico. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano, con la sentenza 20 maggio 2016, accogliendo la domanda di condanna del cessionario al pagamento di 136mila euro dovuti a titolo di anticipazione dei crediti ceduti, affermando che il factor, in quanto soggetto esercitante una attività professionale, è tenuto «ad ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?