Civile

Concordato, la frode vieta l’omologa

di Antonino Porracciolo

No all’omologazione del concordato, se il debitore ha occultato o dissimulato parte dell’attivo. È la conclusione a cui è giunta la Corte d’appello di Bari, in un decreto del 12 maggio scorso, che estende all’omologazione le cause che l’articolo 173 della legge fallimentare (Rd 267/1942) stabilisce per la revoca dell’ammissione al concordato. Con decreto dell’ottobre 2015, il giudice di primo grado aveva omologato il concordato preventivo proposto da una Srl. Contro il provvedimento ha presentato reclamo una creditrice, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?