Civile

MARCHI E BREVETTI - Cassazione n. 10826

Il segno distintivo costituito dal nome anagrafico e validamente registrato, non può essere di regola adottato in settori affini salvo il suo impiego limitato secondo principi di correttezza professionale, neppure dalla persona che legittimamente porti quel nome. La Cassazione precisa anche che l'inserimento nel marchio di un patronimico coincidente con il nome della persona che in precedenza l'ha incluso in un marchio registrato divenuto celebre e poi ceduto a terzi non è conforme alla correttezza professionale se non è ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?