Civile

Tasso usurario, no al cumulo di interessi corrispettivi e di mora

Francesco Machina Grifeo

Il superamento del tasso antiusura non può essere calcolato sommando il tasso corrispettivo a quello di mora essendo essi «dovuti in via alternativa». L'eventuale cumulo dunque rappresenta un “non tasso” o “tasso creativo”, in quanto si riferisce ad una percentuale non concretamente applicabile. Lo ha stabilito il Tribunale di Ivrea, con la sentenza del 26 febbraio 2016 n. 152, rigettando la richiesta di un correntista e chiarendo che l'eventuale natura usuraria, e dunque la nullità, del tasso di mora ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?