Civile

Il giudicato sulla capacità di agire del soggetto non blocca l'azione per circonvenzione

Francesco Machina Grifeo

Il rigetto dell'azione volta ad ottenere l'annullamento di un contratto di compravendita «per incapacità di intendere e di volere» dell'alienante non esclude la successiva azione, mirante questa volta alla nullità dell'atto, per «circonvenzione» del venditore. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 19 maggio 2016 n. 10329, chiarendo che non vale l'eccezione di giudicato riguardo lo stato mentale del venditore in quanto i presupposti delle due fattispecie sono diversi. Nel caso della circonvenzione, infatti, è sufficiente ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?