Civile

La madre resta anonima solo se è viva

di Selene Pascasi

Via libera, con la morte della madre che aveva espresso la volontà di restare anonima, alla ricerca, da parte del figlio, delle proprie origini biologiche: il decesso della titolare del diritto all’anonimato toglie ogni paletto. Lo afferma la Corte di appello di Catania, con decreto del 13 gennaio 2016. Protagonista una donna nata da parto anonimo, desiderosa di conoscere l’identità materna. Desiderio inizialmente negato dal Tribunale, per il divieto sancito dall’articolo 28 della legge sulle adozioni (184/1983), costato all’Italia, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?