Civile

Il rimborso per spese non veritiere vale il licenziamento del dipendente

Giampaolo Piagnerelli

Il lavoratore subordinato che richieda un rimborso spese maggiore rispetto alle somme effettivamente versate rischia il licenziamento. Secondo la sentenza n. 10069/2016 della Cassazione il comportamento genera la rottura del rapporto di fiducia e collaborazione tra prestatore e datore. La vicenda - Alla base della sentenza una vicenda in cui un dipendente era stato licenziato per aver preteso dalla società ingiustificati rimborsi di carburante (in misura quasi doppia rispetto alle esigenze di lavoro). I giudici di merito ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?