Civile

Niente amministratore di sostengo per il lieve disturbo mentale se il soggetto è autonomo e seguito

Francesco Machina Grifeo

La presenza di una lieve malattia mentale, a fronte della conservazione della capacità di attendere da solo ai propri bisogni personali, non giustifica di per sé sola la nomina di un amministratore di sostegno. Lo ha stabilito Tribunale di Modena, sentenza 5 febbraio 2016, rigettando la richiesta presentata dal servizio sociale di un comune. La persona oggetto del richiesto provvedimento risulta affetta da «disturbo schizoide di personalità in oligofrenia lieve», vive «sola in un casale di campagna dotato di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?