Professione

Parcelle avvocati, per agire in via monitoria serve il via libera del Consiglio dell'ordine

Francesco Machina Grifeo

Per agire in via monitoria nei confronti del proprio cliente per il pagamento della parcella relativa alla propria attività professionale, l'avvocato deve prima munirsi del parere positivo del proprio Consiglio dell'ordine. Viceversa, in caso di mancato accordo, la domanda deve ritenersi non sufficientemente giustificata. Lo ha stabilito il Tribunale Milano con il decreto 13 gennaio 2016 rifiutando la liquidazione del compenso ed invitando il legale a provvedere alla relativa integrazione acquisendo il parere del Coa. L'avvocato ricorrente aveva svolto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?