Civile

La ristrutturazione del debito si estende alla banca non aderente

di Giuseppe Acciaro

Gli effetti dell’accordo di ristrutturazione del debito (articolo 182-septies, comma 2, della Legge fallimentare) si estendono al creditore bancario non aderente, se, in presenza degli altri presupposti, risulta con chiarezza che il ricorso e la documentazione dell’accordo gli sono stati notificati ed egli ha comunicato di non volersi opporre alla richiesta di estensione degli effetti. Lo dice il Tribunale di Parma (decreto 7/2016 del 27 aprile), omologando l’accordo proposto da un debitore in crisi che chiedeva di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?