Civile

Ricollocamento, prova al datore

di Giuseppe Bulgarini d’Elci

Nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo, compete al datore di lavoro provare l’impossibilità di ricollocare il dipendente, in quanto, alla luce degli ordinari principi processuali, l’onere di provare l’impossibilità del repechâge ricade esclusivamente sul datore di lavoro. È il principio espresso dalla Cassazione (sentenza 5592/2016 depositata ieri) secondo cui nel ricorso con il quale il lavoratore impugna il licenziamento è sufficiente contestarne l’illegittimità e affermare l’inesistenza delle ragioni aziendali addotte (inclusa la violazione dell’obbligo di repechage), ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?