Civile

Bocciato l’esproprio che favorisce un privato

di Francesco Clemente

Poiché la cosiddetta “acquisizione sanante” deve essere usata dalla Pa solo per «attuali ed eccezionali ragioni di interesse pubblico» e per rimediare a un atto d’esproprio già emesso, ma in modo non «valido ed efficace», la stessa non può essere usata per creare una servitù di pubblico passaggio su un’area privata se su quest’ultima la Pa non ha mai adottato procedure ablatorie e per di più se soddisfa solo l’interesse privato. Il Tar di Venezia - sentenza 170/2016, seconda ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?