Civile

Durante la maternità il datore deve rimpiazzare il posto soppresso

Francesco Machina Grifeo

Nel caso di soppressione del posto di lavoro di una dipendente in maternità, il datore deve attivarsi per «provvedere tempestivamente», e dunque nel corso stesso del periodo di riposo della lavoratrice, «ad individuare una ricollocazione idonea secondo la sua professionalità». Viceversa, rivela un intento discriminatorio «procrastinare la situazione di incertezza anche oltre il suo rientro, fino a proporgli nell'imminenza dello scadere del periodo di divieto di licenziamento una situazione lavorativa tale che verosimilmente non sarebbe stata accettata». Lo ha ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?