Civile

Toghe, il capo deve conoscere il lavoro

di Patrizia Maciocchi

Il capo dell’ufficio deve conoscere il numero di procedimenti assegnati al magistrato e le sue modalità di gestione. Per questo il giudice disciplinare, nel punire la toga per il ritardo nel deposito delle sentenze, non può contestargli di avere “autonomamente” assunto un carico di lavoro eccessivo e adottato un sistema di smaltimento inadeguato. La Cassazione, con la sentenza 2948, accoglie parzialmente il ricorso di un magistrato la cui riconosciuta laboriosità unita ad un buon rendimento ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?