Civile

L’accordo successivo al giudizio non integra il patto di quota lite

Francesco Machina Grifeo

Non può essere dichiarata nulla la scrittura privata, tra cliente ed avvocato, in quanto integrante un «patto di quota lite», se redatta successivamente alla conclusione del giudizio. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 4 febbraio 2016 n. 2169 , respingendo il ricorso di un cliente contro il proprio legale. In secondo grado, la Corte di appello di Roma aveva già rigettato l'opposizione al decreto ingiuntivo per il pagamento delle prestazioni professionali «perché l'accordo sui compensi professionali prodotti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?