Civile

Tomba di famiglia trasferibile solo dopo la morte dell'ultimo superstite

Francesco Machina Grifeo

La tomba di famiglia non può essere ceduta prima della morte dell'ultimo superstite indicato dal fondatore. Per questo motivo il Tribunale di Cassino, con la sentenza 23 giugno 2015 n. 821 , ha accolto il ricorso per ingiustificato arricchimento proposto da una vedova contro i cognati perché dopo la morte del marito, dapprima, con una scrittura privata, l‘avevano convinta ad acquisire il sepolcro e dopo che ella l'aveva ristrutturato a sue spese, sborsando 25mila euro, avevano negato qualsiasi cessione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?