Civile

L'intervento in ritardo sul paziente costringe a risarcire i postumi invalidanti

Giampaolo Piagnerelli

La medicina non è una scienza esatta e per questo si basa su dati statistici di successi/insuccessi anche in base alla tempestività dell'intervento sul paziente. E allora - si legge nella sentenza della Cassazione n. 768/2016 – merita il risarcimento del danno non patrimoniale il soggetto che abbia riportato delle pesanti conseguenze perché la struttura sanitaria non ha seguito la best practise. Nel caso concreto i sanitari erano stati ritenuti responsabili per aver effettuato con ritardo una erniectomia. Al ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?