Civile

L’imprenditore capiente può fallire anche se è cessato

di Ferruccio Bogetti e Gianni Rota

Se la procedura fallimentare è già stata avviata, non è necessario che venga notificato il ricorso proposto da un secondo creditore richiedente il fallimento. Questo perché il ricorso proposto da un secondo creditore non fa venire meno il diritto alla difesa quando il procedimento prefallimentare è già in corso. L’imprenditore, poi, anche se ha cessato l’attività d’impresa, non può invocare la capienza del patrimonio personale per sottrarsi al fallimento: non gli si applica il regime estintivo delle società in ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?