Civile

Non c’è frode ai creditori per irregolarità pregresse

di Giuseppe Acciaro, Alessandro Danovi e Alberto Quagli

Ai fini della revoca di un concordato preventivo ex articolo 173 legge fallimentare non rilevano «presunte irregolarità contabili pregresse, ove non sia posta in discussione la completezza e veridicità della situazione economico-patrimoniale aggiornata al momento del deposito del piano concordatario», poiché tali irregolarità esulano completamente dal tema della «frode ai creditori». È questo il principio affermato dal Tribunale di Ravenna (decreto di omologa e rigetto di opposizioni del 21 ottobre 2015, giudice relatore Alessandro Farolfi) chiamato a esaminare ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?