Civile

Una missiva non blocca l'usucapione perchè i casi di interruzione sono tassativi

Giampaolo Piagnerelli

Il soggetto che possiede un bene per un certo numero di anni per cui può diventarne legittimo proprietario grazie all'usucapione, non può vedersi interrotto il termine nel caso dovesse inviare una lettera con l’intenzione di voler in futuro diventare proprietario del bene dal presunto titolare. Il principio è stato sancito dalla Cassazione con la sentenza n. 25764/2015 . La vicenda aveva avuto in primo grado un esito sfavorevole al titolare del diritto reale che intendeva usucapire il bene sulla ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?