Civile

Medici dimenticano la sterilizzazione, la Asl paga per la gravidanza non voluta

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La paziente danneggiata dalla omessa esecuzione di un intervento di sterilizzazione che successivamente si scopre incinta non è tenuta a sottoporsi alla interruzione volontaria della gravidanza, per evitare i danni conseguenti all'inadempimento della struttura ospedaliera. La scelta di abortire rientra nella libertà di autodeterminazione della madre e non può essere equiparata alla decisione iniziale di non voler procreare. In tal caso sarà la Asl a pagare le spese per il mantenimento del bambino. Questo è quanto emerge dalla sentenza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?