Civile

La domanda di risoluzione per inadempimento non è modificabile in recesso

di Mario Finocchiaro

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Proposta domanda di risoluzione per inadempimento – volta al riconoscimento del diritto al risarcimento integrale dei danni asseritamente subiti – non è consentita la trasformazione di tale domanda in domanda di recesso con ritenzione di caparra, atteso che altrimenti verrebbe a vanificarsi la stessa funzione della caparra, quella, cioè, di consentire una liquidazione anticipata e convenzionale del danno volta a evitare la instaurazione di un giudizio contenzioso, consentendosi in ammissibilmente alla parte non inadempiente di scommettere puramente e semplicemente ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?