Civile

Sì alla fusione con leva finanziaria

di Giuseppe Acciaro e Pierpaolo Ceroli

La fusione tra società, una delle quali abbia contratto debiti per acquisire il controllo dell’altra, non può ritenersi atto in frode ai creditori quando il controllo della stessa esisteva già prima del compimento dell’operazione. Di conseguenza, non può essere motivo di revoca di una proposta di concordato preventivo non comportando violazione del divieto di acquisto e di sottoscrizione di azioni proprie. A sostenerlo il Tribunale di Milano, sezione II civile (sentenza 9440 /2015 , presidente: Caterina Macchi) sul ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?