Civile

Randagismo, se nel Comune c'è il canile per i danni risponde solo la Asl

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

I danni provocati dall'aggressione di cani randagi sono risarciti in via concorrente dal Comune e dall'Asl. Tuttavia, la responsabilità è ascrivibile totalmente all'ente locale se nel territorio comunale non è stato predisposto un canile; alla struttura sanitaria, invece, se, nonostante la presenza di un'apposita struttura di ricovero degli animali, questa non abbia provveduto all'accalappiamento dei cani randagi. Questo è quanto emerge dalla sentenza del Tribunale di Lecce 1850/2015. Il caso - Lo sfortunato protagonista della vicenda ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?