Civile

Infrazioni stradali, legittimo non ricordare chi era alla guida

Francesco Machina Grifeo

L'obbligo di comunicare chi era alla guida al momento dell'infrazione, previsto dal regime della patente a punti, può ritenersi «correttamente adempiuto» anche qualora il proprietario del veicolo dichiari di non essere in grado di «indicare con certezza» chi fosse il conducente per via del «notevole lasso di tempo» trascorso tra la data di rilevazione della violazione e la successiva notifica. Lo ha stabilito il Giudice di pace di Campobasso, sentenza 29 maggio 2015 n. 307 , sottolineando che l'affermazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?