Civile

Risparmio, per identificare l' “operatore qualificato” non serve la dichiarazione

di Giovanni Negri

Massima flessibilità sull’identificazione dell’operatore qualificato. Ma a garanzia del cliente. L’intermediario finanziario può prendere consapevolezza anche senza una dichiarazione scritta del cliente, se persona fisica, dell’esistenza di quei requisiti che lo esonerano dall’applicazione della disciplina di protezione dell’investitore. Lo chiarisce, intervenendo per la prima volta sul punto, la Corte di cassazione con la sentenza della Prima sezione civile n. 21887 depositata ieri. La Corte interpreta in questo senso l’articolo 31 del regolamento Consob n. 11522 del 1998. La ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?