Civile

Complicanze postoperatorie, il difetto nel “consenso informato” non assicura il risarcimento

Francesco Machina Grifeo

L'accertamento di un difetto nella raccolta del «consenso informato» non dà automaticamente diritto al risarcimento del danno per le complicanze postoperatorie. Il paziente infatti deve comunque dimostrare che se correttamente edotto dei rischi non si sarebbe sottoposto all'intervento «dal quale, anche eventualmente senza colpa di alcuno, è derivato lo stato patologico». Sulla base di questo principio, recepito anche dalla giurisprudenza di Cassazione, la Corte d'Appello di Milano, sentenza 5 marzo 2015 n. 1035 , ha rigettato la richiesta di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?