Civile

Tfr, retribuzione al netto dei benefit per i “distaccati” all'estero

Francesco Machina Grifeo

La Cassazione, con la sentenza n. 21249/2015 , affrontando un caso paradigmatico, quello di un dirigente Fiat che ha girato mezzo mondo, detta le regole per il calcolo del Tfr dei dipendenti d'azienda che per lunghi periodi hanno svolto il proprio lavoro all'estero. E lo fa bacchettando sia l'azienda che il dipendente. Quest'ultimo aveva lamentato la mancata considerazione nella retribuzione complessiva della «indennità di prima sistemazione» e dei «benefit per l'alloggio», chiedendo 702mila euro. L'azienda, invece, sosteneva, «per non ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?