Civile

Il papà perde l'“affido” se la nuova compagna è incinta

Francesco Machina Grifeo

L'attesa di un figlio dalla nuova compagna, nel frattempo divenuta convivente, legittima il rovesciamento del provvedimento con cui il tribunale aveva collocato, in regime di affidamento condiviso, il figlio presso il papà. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 18817/2015 , confermando la motivazione con cui la Corte di appello di Bologna aveva paventato il rischio della perdita di centralità del bambino per l'arrivo del nascituro. Il caso - In primo grado, dunque, il tribunale aveva disposto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?