Civile

Risarcimento a metà se chi cade nella buca è ipovedente

di Andrea Alberto Moramarco

Tra l'azione di cui all'articolo 2043 del Cc e quella prevista dall'articolo 2051 sussiste una differenza in ordine ai temi di indagine e al riparto dell'onere della prova. In particolare, nel primo caso, il danneggiato si dovrà attivare per provare che il danno subito è riconducibile alla condotta del danneggiante; nel secondo caso, sarà il custode-danneggiante, per andare esente da responsabilità, a dover provare che il danno è riconducibile al caso fortuito. E una volta fondata la domanda ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?