Civile

L’offesa digitale fa scattare la diffamazione

di Marisa Marraffino

Pericoli latenti che negli anni sono diventati condanne definitive. Ecco le conseguenze di undici anni di navigazione inconsapevole sui principali social network. Tra i reati più contestati spicca quello di diffamazione aggravata, che si perfeziona anche a mezzo chat o sistemi di messaggistica istantanea. Ma se l’offesa è inviata a mezzo mail o chat a un unico destinatario, per i giudici non ci sono dubbi: il reato configurabile è quello di ingiuria, punito meno severamente rispetto alla ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?