Civile

Assegno di mantenimento: l’accertamento presso la polizia tributaria è a discrezione del giudice

di Mario Finocchiaro

Il giudice del merito, ove ritenga – aliunde – raggiunta la prova della insussistenza dei presupposti che condizionano il riconoscimento di un assegno periodico in favore di uno dei coniugi può direttamente procedere al rigetto della relativa istanza, anche senza avere prima disposto accertamenti d'ufficio attraverso la polizia tributaria, che non possono assumere valenza esplorativa, atteso che l'esercizio del potere officioso in questione rientra nella sua discrezionalità,non trattandosi di un adempimento imposto dalla istanza di parte, purché esso sia ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?