Civile

Se il bambino si fa male nell'area giochi a pagamento la responsabilità è sempre del genitore

Andrea Alberto Moramarco

Il genitore che accompagna un bambino in un'area giochi a pagamento ha un dovere di vigilanza nei confronti del figlio nel caso in cui quest'ultimo si appresti ad utilizzare un gioco da cui possono derivare possibili rischi, prevedibili con l'utilizzo della normale diligenza. L'acquisto del biglietto d'ingresso nel parco giochi, infatti, non comporta il sorgere a carico del gestore dell'area di una obbligazione di sorveglianza su ciascun bambino sostitutiva di quella genitoriale. Questo è quanto affermato dal Tribunale di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?